Una vecchia conoscenza: il trade off efficienza/stabilità.

L’agenzia Moody’s ha analizzato l’impatto finale delle modifiche agli accordi noti come Basilea 2, tesi a rafforzare la stabilità e la solidità degli intermediari creditizi, soprattutto in situazioni di crisi.

Dall’analisi emergono 4 punti rilevanti: il capitale, inteso come buffer –o cuscinetto- dovrà essere più elevato; il profilo di rischio dovrà essere allineato alla tolleranza al rischio (in altre parole, non ci si potrà assumere rischi che non si è in grado di fronteggiare); le Autorità di Vigilanza, dotate di maggiori poteri, perciò stesso dovrebbero meglio vigilare e reprimere (con il permesso di Moody’s, avanzerei qualche dubbio al riguardo); da ultimo, in applicazione di uno dei pilastri della “vecchia” Basilea 2, le banche dovrebbero fornire agli investitori maggiori e più approfondite informazioni sul loro profilo complessivo di rischio.

Il lavoro di Moody’s, inoltre, sottolinea il diverso impatto delle nuove regole sulle diverse tipologie di banche, più marcato per “le grandi banche con grandi attività finanziarie”, meno evidente per le banche retail. Ovvero, in ossequio al vecchio e sempre vero adagio della finanza che recita che esiste un trade off fra efficienza e stabilità, un return on equity o ROE più ridotto e penalizzato.

A prescindere dal fatto che, come la stessa Moody’s ha notato, le conseguenze prospettate dipendono molto da come le nuove regole saranno effettivamente applicate, è interessante notare che le nuove regole potrebbero mettere in discussione il modello stesso della grande banca di transazione, a favore del modello, tutto italiano, ma non solo, della banca di relazione, in specie se banca locale. Tanto più che, proprio le lezioni degli ultimi anni, insegnano che le grandi aggregazioni, i processi di fusione e di concentrazione avviati nel sistema bancario, se generano economie di scala e di scopo, non generano tuttavia ritorni per la clientela ma solo creazione di valore di per l’azionista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...