Categorie
Imprese Ripresa USA

Cosa c’è sotto gli utili record (della Ford).

Logo_ford

La notizia di una trimestrale record per la Ford, con utili per 1 miliardo di dollari, se da un lato rende contento il cittadino americano e tutti coloro che si augurano sempre maggiori segnali di ripresa provenire dall’economia mondiale, dall’altro deve far riflettere su alcune, troppo facili affermazioni.

Anzitutto, pur rispondendo al vero che Ford non ha richiesto sussidi statali, non può esservi dubbio alcuno circa il forte impatto degli incentivi per la rottamazione concessi dal governo USA. Senza di essi, e per giunta in un periodo di consumi riflessivi, non avrebbe potuto esserci una crescita dei ricavi tale da consentire una simile performance. Il resto della risposta all’interrogativo circa il risultato record raggiunto lo offre la stessa casa di Detroit, quando afferma di avere già iniziato prima che scoppiasse la crisi a ristrutturare, tagliando costi fissi ed eliminando sprechi.

Non sarebbe male ricordarsi della lezione che arriva da Oltreoceano, soprattutto in periodi come questi dove sembra che l’unica cosa che conti sia il credito bancario e la liquidità: e ci si dimentica che, passata la crisi, il conto economico esigerà di nuovo la sua centralità. Chi avrà iniziato per primo a lavorare sulla propria formula competitiva, in altre parole, ha la possibilità di vedere prima la fine del tunnel.

Categorie
Banche Borsa USA

Razionalità limitata.

Cit_Group
La sede di Cit Group Bank

Come volevasi dimostrare, e come spesso accaduto in passato, non sempre cattive notizie vere hanno lo stesso effetto sulle Borse. La richiesta di ammissione alla procedura concorsuale made in USA del c.d. Chapter 11 del gruppo bancario Cit non provoca scossoni. Ripensare ai mercati mobiliari, in tutti i sensi che questa espressione comporta -ovvero anche di comunicazione, di giornalismo, di informazione- non sarebbe una cattiva idea.