Se all’aumento dei tassi corrisponde l’allentamento della stretta.

La notizia che ad un primo timido cenno di rialzo dei tassi si accompagna un allentamento della stretta creditizia è solo apparentemente contraddittoria. In effetti, almeno in teoria, tassi in ribasso o fermi a livelli molto bassi, come gli attuali, dovrebbero di per sè stessi rappresentare una precondizione favorevole ad un allentamento delal morsa del credit crunch. Il problema deve essere visto, come sempre, tenendo conto della totalità dei fattori in gioco. Non si deve dimenticare, infatti, che fino ad ora le banche non hanno trovato conveniente prestare denaro a privati ed imprese, poiché il rendimento che ne derivava, a parità di rischio, risultava inferiore a quello ottenibile con l’investimento speculativo di denari presi a prestito a tasso nullo dalle banche centrali. Ora, da un lato si stanno manifestando gli effetti della progressiva exit strategy delle banche centrali, che gradualmente riducono la liquidità. E, dall’altro, le imprese che stanno vedendo la fine del tunnel, ricominciano a chiedere denaro. Avviene così che, paradossalmente, un bene che comincia a costare più caro, il credito, vede crescere la domanda. Se si riflette sulla non esattezza della scienza economica, anche certi paradossi appaiono meno singolari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...