Diversificare necesse est.

Rocca Salimbeni, sede di Banca Montepaschi Siena

Giancarlo Barbieri, responsabile della rete di filiali di Monte dei Paschi, in un’intervista comparsa sul Sole 24 Ore di mercoledì 3 febbraio, sostiene che il portafoglio dei risparmiatori italiani sia “eccessivamente improntato alla prudenza. Adesso c’è lo spazio per attuare una maggiore diversificazione.” E ancora: “è il momento di guardare con fiducia a strumenti di risparmio gestito meno conservativi, (..) Montepaschi ha una piattaforma (sic) di consulenti molto preparata.”

I consulenti in questione non devono essere stati interpellati al momento dell’acquisizione degli sportelli di Antonveneta, e poi rivenduti per ragioni di antitrust, al di sotto del prezzo di costo. Ma, soprattutto, oltre che offrire “piattaforme di consulenti”, occorrerebbe offrire cultura ed educazione finanziaria, capacità di collegare i fabbisogni e gli obiettivi dell’investimento con gli strumenti, individuare correttamente la combinazione rischio-rendimento. Montepaschi è una grande banca, di grandi tradizioni. Ma le grandi tradizioni non salvano dal moralismo di certi bilanci sociali, di cui già si è parlato in questo blog: e, quel che è peggio, non garantiscono la capacità di assistenza al cliente, nei termini che dovrebbero servire, anzitutto, a lui.

Per la cronaca, il titolo Montepaschi nell’ultimo anno ha guadagnato il 10,3%, negli ultimi tre anni ha perso il 72,62%.

1 Comment »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...