Categorie
Banche Crisi finanziaria Disoccupazione Economisti Sviluppo

Dolores

L’unica via d’uscita indolore sarebbe che il Sud Europa guadagnasse di competitività rispetto al Nord aumentando la produttività. Ma questo richiede riforme, tempo e investimenti. Se le ripercussioni della crisi greca possono aver aumentato la pressione per le riforme, hanno ridotto drammaticamente il tempo a disposizione e gli incentivi a investire. Quanti anni di disoccupazione a due cifre sono disposti a sopportare greci e spagnoli?

Luigi Zingales (Il Sole 24 Ore)

Categorie
Banche Borsa

Il mercante di Venezia e altre storie (belle domande, davvero)

Al Pacino nell'interpretazione di Shylock
Salve Prof.,
sono (..)  avrei bisogno di un suo parere poichè da studente di economia e con la consapevolezza di esserlo ad alcune notizie e fatti economici che accadono cerco di darne una spiegazione e di torvarne una ragione …quasi sempre sfocia nell’errore e nella non sazietà di denaro dell’uomo basti pensare ai repo di Lehman Brothers o ai recenti fatti delle Goldman Sachs messa sotto tiro dalla Sec… ma in particolare a questo fatto che è accaduto nella seduta di giovedì in  Borsa parlandone anche con (..) non riesco a capirne il perchè o meglio non mi va di pensare che si tratti di un errore umano o come dicono i giornali “di ordini di Chicago” non credo e non ammetto che ci sia dell’irrazionalità in tale gesto …allora mi dico…….. ci rimane la speculazione ma questa può spingersi così oltre?!dove e che cosa si vuole arrivare?
a tale proposito sto preparando un pezzo da esporre per la Prof. (…)  su (…)  e sono venuta a conoscenza di un professore Geanakoplos (…) che si è ispirato a Shakespeare nel Mercante di Venezia vedendo nella storia una sorte di profezia che si ripercuote sulla carne umana……dall’usuraio Shylock e dalla sua assurda richiesta di una libbra di carne umana del debitore Antonio a garanzia del prestito concesso e in caso di default….è ciò che sta accadendo in Grecia con le sue recenti vittime …mi piacerebbe continuare
grazie mille per l’attenzione