Dolores

L’unica via d’uscita indolore sarebbe che il Sud Europa guadagnasse di competitività rispetto al Nord aumentando la produttività. Ma questo richiede riforme, tempo e investimenti. Se le ripercussioni della crisi greca possono aver aumentato la pressione per le riforme, hanno ridotto drammaticamente il tempo a disposizione e gli incentivi a investire. Quanti anni di disoccupazione a due cifre sono disposti a sopportare greci e spagnoli?

Luigi Zingales (Il Sole 24 Ore)

2 Comments »

    • A mio parere l’Italia non è nella stessa situazione, perché da tempo ha messo mano ai conti pubblici e la spesa pubblica, con l’eccezione di quanto accaduto a causa della crisi economica, è sotto controllo. L’Italia, in particolare, non ha proseguito nell’allegra politica di deficit spending della Grecia (in pensione prestissimo, stipendi pubblici elevati, bassa produttività) ma ha lavorato per ridurre il deficit. Quanto alla Spagna, a parte l’improntitudine di Zapatero (per quel che riguarda il deficit pubblico), ha avuto uno sviluppo trainato in maniera eccessiva dall’immobiliare. Scoppiata la bolla, è scoppiato anche il resto.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...