Categorie
Alessandro Berti Analisi finanziaria e di bilancio Banche BCE Capitale circolante netto operativo Educazione Fabbisogno finanziario d'impresa Imprese Indebitamento delle imprese PMI

Admission

E così ci siamo arrivati, il momento è giunto: il conto alla rovescia che avevo iniziato ormai 9 mesi fa (pensando ogni volta: vedrai che lo rinviano), parlando in ogni occasione possibile e immaginabile (webinar, corsi di formazione in presenza e non, lezioni universitarie, stravolte nei metodi oltre che nei contenuti) è terminato, gli Orientamenti EBA si applicano da oggi alle nuove concessioni di affidamenti, a chiunque fatti, nonché al relativo monitoring.

Per i prestiti già esistenti aspetteremo un anno, ma riesce difficile immaginare un sistema bancario che, alla stregua di un Giano bifronte, esamina il passato come se nulla fosse accaduto e il presente adeguandosi alle nuove regole. Così come un razzo non arriva istantaneamente nel luogo dove è stato lanciato, così gli Orientamenti EBA cominceranno un po’ alla volta a farsi sentire nei confronti delle imprese, soprattutto di quelle PMI che hanno sempre mal sopportato la comunicazione finanziaria.

Tuttavia, da oggi e senza ombra di dubbio, le garanzie non possono più rappresentare il motivo prevalente per una decisione di affidamento: da oggi conta il reddito, i flussi di cassa, la sostenibilità del debito. Siamo consapevoli che tutto questo vada verificato con l’adeguata ampiezza temporale e spaziale: nel frattempo, con R&A Consulting, abbiamo preparato, per tutte quelle imprese e professionisti che vogliano cominciare a cimentarsi con le nuove regole, un piccolo strumento di facile utilizzo, un tool, come si dice: lo trovate qua.

https://www.reaconsulting.com/utility/eba-compliance/

Categorie
ABI Alessandro Berti Analisi finanziaria e di bilancio Banca d'Italia Banche BCE Capitale circolante netto operativo Crisi finanziaria Cultura finanziaria Fabbisogno finanziario d'impresa Imprese Moratoria dei debiti PMI Vigilanza bancaria

Meno 1.

Sarebbe domani, sarebbe dalla mezzanotte. Anche oggi la rassegna stampa consente di affermare che il principale quotidiano economico italiano ignora la scadenza degli Orientamenti EBA, su LinkedIn solo il grande Collega Giacomo De Laurentiis, da sempre uno dei pochi veri appassionati circa il tema del rapporto banca-impresa, ha promosso, ormai una settimana fa, un incontro sul tema.

E allora continuiamo a parlare delle “nuove concessioni” almeno per capire quali potrebbero essere i punti di frizione, i problemi, le criticità che un rinnovato -almeno nelle regole dei criteri di concessione, nelle metriche e nei limiti- processo del credito, mai così pesantemente divenuto prescritto da parte del regolatore, comporterà per molte imprese.

Almeno per tutte quelle, e ci auguriamo che siano tante, che da domani andranno in banca a chiedere nuova finanza, per i loro progetti di sviluppo, per partecipare alle varie fasi del PNRR, per intraprendere, crescere, non fermarsi; perché lo stock di crediti già in essere resterà lì, quasi sospeso fino al 30.6.2022, una specie di standstill concettuale prima che effettivo, con le banche chiamate da EBA, tuttavia, a vigilare su tutte le esposizioni.

E, d’altra parte, le nuove concessioni potrebbero riguardare anche situazioni non proprio rosee o entusiasmanti, con performances non commendevoli fin da prima della pandemia. Chi è arrivato a fine giugno e non sta per licenziare tutti o quasi, potrebbe aver deciso di ristrutturare, di risistemare l’azienda, di chiedere nuova finanza per mettere in atto quella discontinuità rispetto al passato che sola può contribuire a rendere fattibile un piano di risanamento.

Dunque da domani si comincia: insieme a R&A Consulting abbiamo messo a punto uno strumento di facile utilizzo che però aiuta fin da subito a capire quali possano essere le criticità o le questioni più importanti da risolvere; e contemporaneamente, ci soffermeremo sulle principali metriche, sui criteri di concessione, sulle regole fissate da EBA.

Perché da domani chi lavora in banca e analizza il credito, un criterio sicuro ce l’ha nel valutare le nuove concessioni: la valutazione del merito di credito deve essere fatta “al meglio delle conoscenze della banca al momento della concessione“. E il “meglio” non può che consistere in un corredo informativo, storico e prospettico, ampio, approfondito, aggiornato.

A domani.

Categorie
ABI Alessandro Berti Banche Fabbisogno finanziario d'impresa Imprese Indebitamento delle imprese PMI

Meno 2.

Mancano due giorni al 30 giugno e, almeno in teoria, un secondo dopo le 23h, 59′ e 59″ di domani si entra nel mondo delle Guidelines (Orientamenti per gli italianisti) di EBA in materia di nuove concessioni e monitoraggio del rischio di credito da parte delle banche.

Con tutta l’attenzione che la questione richiede, chi scrive ha cominciato a occuparsene ormai da quasi 10 mesi, nell’ambito di progetti formativi, convegni, webinar, articoli; ma non finisce di stupirmi l’assordante silenzio nel quale una novità regolamentare e normativa di questa portata sta arrivando.

Silenzio dell’ABI, delle varie sigle dei sindacati dei bancari, delle associazioni di categoria, di tutti quelli che, a vario titolo, si occupano di lavorare in banca e/o rapporti banca-impresa: un silenzio reso ancor più stupefacente, viceversa, dalla centralità assunta dal tema “moratorie” che si è preso la scena e, a quanto pare, continua a tenerla.

Certamente, allo scoccare della mezzanotte di domani non accadrà nulla di particolare, il regolatore (e il vigilatore) da molto tempo usano l’informatica e le ispezioni sulle “nuove concessioni“, perché di questo stiamo parlando, cominceranno forse a fine anno, anche per vedere gli effetti sui bilanci delle banche del credito deteriorato sorto a seguito della pandemia.

Ciò che, tuttavia, dovremmo incominciare a vedere, almeno sulle nuove concessioni, è un atteggiamento diverso da parte di chi prepara il corredo informativo della pratica (la rete? le filiali? i gestori?) e, soprattutto, un approccio molto più “fondamentalista“, ovvero basato sui fondamentali dell’economia aziendale e della tecnica bancaria da parte di chi il fido lo analizza.

Colpisce, in tal senso, non tanto l’atteggiamento delle banche e

degli addetti al credito (questi ultimi, in quanto “decisori” con un bersaglio dipinto sulla schiena per la responsabilità nella diligenza professionale delle nuove concessioni) quanto piuttosto delle associazioni di categoria e del ceto professionale, evidentemente in altre faccende affaccendati.

Nel frattempo, continuiamo a parlarne e a spiegare, a discutere e a ragionare: perché fare cultura d’impresa non