Categorie
Akerlof Bolla immobiliare Shiller

Bolla immobiliare ed illusioni.

20071125ae_2hopper1125_500
Edward Hopper

L’illusione monetaria sembra spiegare in parte l’impressione che le case siano ottimi investimenti.

Sentiamo parlare di prezzi di acquisto di case di molto tempo fa. La gente tende a ricordare il prezzo di acquisto della propria casa, anche se sono passati cinquant’anni: ma non lo paragona ad altri prezzi di quell’epoca. Oggi si sente dire:”Ho pagato 12.000 dollari per questa casa quando sono tornato dalla Seconda guerra mondiale”. Un’affermazione del genere suggerisce enormi profitti sull’acquisto della casa, perché non tiene conto del fatto che i prezzi al consumo sono decuplicati da allora.

G.A.Akerlof, Robert J.Shiller, Spiriti animali, Rizzoli 2009

Categorie
Akerlof Banche Fiat

Nepotismo: i vizi dei padri tramandati ai nipoti.

John_Elkann

Il Corriere della Sera di oggi riporta in un servizio che John Elkann ha annunciato che “Fideuram è un’opportunità ed il risparmio gestito ci interessa.”

Il Gruppo Fiat, inoltre, a detta dell’erede dell’Avvocato, ha sempre diversificato e dunque l’attenzione di Exor verso Fideuram è presto spiegata.

A prescindere da cose che il pur giovane John non può ignorare, quali per esempio le molte vicende di diversificazioni andate male e, non ultime, le attenzioni del tutto fuori luogo che il Gruppo rivolgeva al di fuori dell’industria, vedi caso verso le banche, proprio alla vigilia di una delle periodiche e cicliche crisi attraversate, a prescindere da tutto questo, dicevamo: ma gli incentivi all’auto, che portano più di un commentatore a parlare di “auto di Stato”, che da sempre ogni italiano pro-quota paga per sostenere l’industria di Torino, ecco, quegli incentivi lì, non dovrebbero servire a rafforzare il settore auto con il suo indotto occupazionale etc etc…? E quanto alle nuove acquisizioni, la storia dovrebbe avere insegnato che distrarsi dal core-business non è mai stato premiante. Oppure anche in questo caso, come per le banche, si può parlare di moral hazard, o comportamento opportunistico, ma nessuno lo dice perché quello che va bene per la Fiat va bene anche per il Paese?

Categorie
Akerlof Economisti Shiller

La perfetta razionalità: una caricatura del reale

Leonard Savage
Leonard Savage

Il problema fondamentale è che una generazione di macro-economisti è giunta ad accettare una teoria, quella del comportamento razionale delle persone, che è viziata alla base. E come ha dimostrato lo statistico Leaonard “Jimmie” Savage nel 1954, se la gente segue determinati assiomi razionali si deve comportare come se conoscesse tutte le probabilità e avesse fatto tutti i calcoli appropriati.

Gli economisti dunque partono dal presupposto che la gente usi effettivamente tutte le informazioni pubblicamente disponibili e conosca, o si comporti come se le conoscesse, le probabilità di tutti gli eventi futuri concepibili. Le persone non sono influenzate da nient’altro che dai fatti, e le probabilità sono considerate come fatti. Aggiorniamo queste probabilità non appena diventano disponibili nuove informazioni, e dunque qualsiasi cambiamento nel loro comportamento va attribuito alla loro risposta razionale ad informazioni effettivamente nuove.

E se gli attori economici sono sempre razionali, allora non può esistere nessuna bolla, cioè nessuna risposta irrazionale del mercato.

Robert J.Shiller

Categorie
Akerlof Risparmio e investimenti Shiller USA

Card & stripes forever

American Flag

Ma anche se le carte di credito non sono direttamente responsabili (del basso tasso di risparmio degli americani o del suo declino NdR), esse riflettono alcuni aspetti dell’identità americana che a loro volta devono essere un fattore centrale del calo nel tasso di risparmio. La nostra devozione alla carta di credito  e al centro commerciale è sintomatica di opinioni più generali su chi gli americani credono di essere e su come ritengono di doversi comportare.

L’identità nazionale americana è molto fiera che gli Stati Uniti siano il Paese più capitalista del mondo. (..) L’americano che si identifica con il capitalismo ritiene giusto trarre vantaggio dai beni che il capitalismo offre e fa comprare. Si sente tenuto ad avere una carta di credito; se vede qualcosa che gli piace al centro commerciale, è giusto non resistere alla tentazione.

G.A.Akerlof, Robert J.Shiller, Spiriti Animali, Rizzoli

Categorie
Akerlof Risparmio e investimenti Shiller USA

Val la pena risparmiare

Il compagno Lei Feng
Il compagno Lei Feng

(..) Gli economisti classici, come Adam Smith, enfatizzavano l’accumulazione di capitale attraverso il risparmio.

Ancora oggi alcuni Paesi, soprattutto in Estremo Oriente, prendono sul serio Smith, e hanno adottato la strategia di uscire dalla povertà risparmiando. Il principale fra questi è Singapore (..). La sua economia ad alto risparmio è divenuta un modello per la Cina, che ha copiato con successo Singapore e ora vanta da decenni una notevole crescita economica.

G.A.Akerlof, Robert J.Shiller, Spiriti Animali, Rizzoli

Categorie
Akerlof Borsa Risparmio e investimenti Shiller USA

Non solo Newton

Red_Delicious_Apple

Quasi a nessuno oggi piace il sapore della varietà chiamata Delicious; eppure queste mele sono ovunque: sono spesso l’unica scelta nelle mense, nei refettori e nei cesti regalo. Nell’Ottocento, quando con questo nome veniva venduta una mela molto diversa, la Delicious era più buona: intorno al 1980 era diventata di gran lunga la mela più venduta negli Stati Uniti. Quando i buongustai cominciarono a rivolgersi ad altre varietà, i coltivatori cercarono di proteggere i profitti. Spostarono la mela Delicious in un’altra nicchia di mercato: divenne la mela a buon mercato che tutti pensano piaccia a tutti, o che pensiamo che gli altri pensino che a noi piaccia.

La maggior parte dei coltivatori rinunciarono al buon sapore e abbassarono il prezzo della mela passando a varietà con rendimento e conservazione migliori, anzichè sceglierle man mano che maturavano. Dato che le mele Delicious non si vendono per il loro sapore, perché spendere di più per ottenere un buon sapore? I consumatori non riescono ad immaginare che una mela possa essere fatta costare così poco, né possono immaginare il vero motivo per cui queste mele sono ovunque benché abbiano di solito un cattivo sapore.

Lo stesso fenomeno si verifica con gli investimenti speculativi. Molte persone non si rendono conto di quanto una società quotata possa cambiare nel tempo, o di quanti modi di siano per abbassarne il valore. Le azioni in cui nessuno crede davvero, ma che conservano valore, sono le mele Delicious del mondo finanziario.

G.A.Akerlof, Robert J.Shiller, Spiriti Animali, Rizzoli

Categorie
Akerlof Borsa Keynes Risparmio e investimenti Shiller

Beauty contest

Star of the Year 2007 10
Nel suo libro del 1936 Keynes paragonava l’equilibrio del mercato azionario a quello di una nota competizione dell’epoca, promossa da un quotidiano. Ai partecipanti si chiedeva di di scegliere i sei volti più belli fra cento fotografie: il premio andava al concorrente le cui scelte si avvicinavano di più alla preferenza media di tutti i concorrenti di un gruppo.

Naturalmente, per vincere un concorso come questo non bisogna scegliere i volti che si ritengono più belli, ma i volti che secondo noi gli altri riterranno più belli. (..) Investire in titoli azionari funziona nello stesso modo: come nel concorso di bellezza, nel breve periodo non si vince scegliendo l’azienda che ha più probabilità di riuscire nel lungo periodo, ma scegliendo l’azienda che che più probabilità di avere alto valore di mercato nel breve periodo.

G.A.Akerlof, Robert J.Shiller, Spiriti Animali, Rizzoli

Categorie
Akerlof Disoccupazione Shiller USA

Se (cala il Pil)

Se la teoria del tasso naturale è corretta, implica gravi conseguenze per la politica monetaria. Se è corretta, abbiamo poco da perdere ponendoci obiettivi di inflazione molto bassi. Con un target di inflazione pari a zero, la stabilità a lungo termine si può ottenere senza conseguenze negative permanenti. In media, in un lungo arco di tempo la disoccupazione non influenzata dalla scelta del target di inflazione.

Se invece la teoria del tasso naturale non è corretta, ed esiste una relazione inversa nel lungo periodo tra inflazione e disoccupazione, allora un target di inflazione pari a zero è una cattiva politica economica. L’aumento dell’1,5% calcolato nel tasso di disoccupazione farebbe una grande differenza. In temrini umani, per gli Stati Uniti un aumento del genere renderebbe disoccupate 2,3 milioni di persone: più di tutti gli abitanti -uomini, donne e bambini- delle città di Boston, Detroit e San Francisco messe insieme. Farebbe calare il Pil di oltre 400 miliardi di dollari all’anno.

G.A.Akerlof, Robert J.Shiller, Spiriti Animali, Rizzoli

Categorie
Akerlof calcio minore Inter

Calciatori bolliti e lemons: una lettura interessante del derby

Marek Jankulovski
Un mio laureando, grande tifoso milanista, sviluppa, senza saperlo, un tema che qualche tempo fa avevamo già trattato, commentando in termini aziendalistici le due cessioni che hanno caratterizzato il calcio-mercato estivo, quella di Kakà e quella di Ibrahimovic. Ebbene, rispondendo a qualche sfottò del sottoscritto, il mio laureando ha immediatamente affermato che “il grande Akerlof avrebbe inserito Jankulovskj fra i lemons“, nel suo grande contributo teorico alla teoria delle asimmetrie informative.
Poichè il tema è interessante, stimolante e divertente, ci ritorneremo presto.

Categorie
Akerlof Inter Keynes Shiller

Animal spirits

ITALY SOCCER SERIE A